L'angolo dello scultore

Benvenuto nella Comunity "L'Angolo dello scultore"

Se sei già registrato effettua il Login...altrimenti attendiamo una tua Registrazione.....
Buon Modellismo

Forum di Modellismo Figurini

Benvenuto nella Comunity de "L'angolo dello scultore"

    Genova cavalleria 1848/49

    Condividere
    avatar
    Riccardo Cerilli
    Utente
    Utente

    Messaggi : 5
    Reputazione : 0
    Data d'iscrizione : 05.01.11
    Età : 50
    Località : Roma

    Genova cavalleria 1848/49

    Messaggio Da Riccardo Cerilli il Mer Feb 09, 2011 11:41 pm

    Sto lavorando a un po di soggetti che vorrei condividere con voi.
    Eccone uno che è venuto fuori sfogliando il bel libro sui copricapi della cavalleria italiana di Stefano Ales edito dallo SME. Nel libro è raffigurato un bell'elmo del periodo albertino, ed anche una bella immagine di un sottotenente del Genova cavalleria dello stesso periodo: la tentazione di creare un busto con un bell'elmo metallico è stata folgorante e mi sono trovato a preparare lo stucco.

    Per iniziare ho usato un busto con l'anatomia già definita, che avevo ipotizzato per un altro soggetto ma che ho destinato volentieri alla realizzazione di questo cavaliere.

    Per la realizzazione del pezzo ho usato prosculpt color carne per l'anatomia, Fimo blu e grigio per l'elmo e la divisa, e Duro per alcuni piccoli dettagli finali. Questa volta ho sperimentato un metodo particolare per la realizzazione dei vari dettagli: per facilitare la lavorabilità ho "cotto" lo stucco polimerico strato per strato nel fornetto a lampade che uso di solito per gli oli. Questo metodo non indurisce completamente il Fimo che rimane abbastanza friabile, ma permette di ottenere uno strato solido per l'applicazione dello strato successivo senza rischi si compromissione del lavoro già fatto (e senza esagerare con la cottura del pezzo). Una cottura in forno a 130° è stata comunque effettuata alla fine per consolidare la scultura in modo definitivo e duraturo.

    Allego le foto del pezzo "grezzo" e con il primer







    avatar
    le wombat agile
    Utente
    Utente

    Messaggi : 33
    Reputazione : 0
    Data d'iscrizione : 15.01.11
    Età : 54
    Località : Belluno

    Re: Genova cavalleria 1848/49

    Messaggio Da le wombat agile il Gio Feb 17, 2011 9:00 am

    Ciao Ricky, interessante lavoro e bello come sempre. Vedo che voi "maestri" usate molto spesso il fimo o altri stucchi comunque da cuocere un po'. Non ho capito però se possono essere scolpiti a secco o se il lavoro deve essere realizzato subito a fresco.

    a presto

    ezio
    avatar
    Riccardo Cerilli
    Utente
    Utente

    Messaggi : 5
    Reputazione : 0
    Data d'iscrizione : 05.01.11
    Età : 50
    Località : Roma

    Re: Genova cavalleria 1848/49

    Messaggio Da Riccardo Cerilli il Ven Feb 18, 2011 11:32 am

    Ciao Ezio, fa sempre piacere ricevere i tuoi messaggi, ma addirittura appellarmi maestro......arrossisco.

    Embarassed

    Il fimo e tutti i suoi amici (sembra il titolo di un film) si lavorano a fresco in quanto dopo la cottura non permettono nessuna lavorabilità. Il vantaggio è che non asciugano all'aria, al massimo si consolidano un po dato che si ammorbidiscono con la manipolazione, quindi hai tutto il tempo che vuoi per lavorarlo e quando sei soddisfatto lo cuoci. Questi stucchi sopportano anche più cotture, quindi se vuoi lavorare a strati elimini il rischio di danneggiare tutta la scultura ancora fresca (lo so per esperienza).
    Un dettaglio che per alcuni è un difetto, per me è un pregio, di solito questi stucchi sono molto morbidi, e si plasmano molto facilmente, direi che il Fimo assomiglia un po al Magic come consistenza, ma ce ne sono tanti e di durezze diverse anche a seconda del colore. Io uso principalmente il Fimo di vari colori (molto duttile il grigio chiaro) e il ProSculpt di due diversi colori di incarnato. Il Fimo è anche economico, costa circa 2€ per un panetto da 56gr, mentre il ProSculpt che ha un rapporto prezzo/peso simile al Fimo è disponibile in confezioni da 1 libbra (454 gr.).
    Per la lisciatura delle superfici si può usare con moderazione la ragia con un pennellino, che altrimenti ammorbidisce troppo lo stucco fino a renderlo una pappetta. In alternativa si possono usare anche l'olio per i bambini o il talco.

    Contenuto sponsorizzato

    Re: Genova cavalleria 1848/49

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Sab Nov 18, 2017 4:12 am